Ho visto cose nella vita
ma nulla che si paragoni a te.

Un giorno ho sentito fra queste montagne il vento di Fohn
caldo e profumato
riecheggiare con il nome della primavera alle labbra:
nulla se paragonato al tuo respiro.

Quando la strada si liquefa sulla scia delle motociclette lanciate
provo piacere
per il percorso e il traguardo
il modo che ho di affrontare la vita:
nulla se paragonato al tuo profilo di donna.

E se il buio mi sorprende per ciò che cela e deforma
e la luce perché è bello questo Sole
ed é bello ciò che questo Sole illumina
dovrei tornare da te a dirti mille volte
che è nulla se paragonato a te.

Quando la vita appena mi sorride
quando distrattamente si ricorda di quanto ami e odi
il suo passare di cose lento
quando assisto all’incastro dell’evento che diventa storia
tessuta e non tessuta
ho felicità nelle vene più che sangue
e galleggio in questo mare di fragilità umane.

I commenti sono chiusi.